Grande Svendita: sconti incredibili oltre l'80% - Spedizione Gratuita per ordini superiori ai 30€ - Ritiro gratuito in negozio

Cucina italiana nel mondo: 10 piatti dell'orrore!

30 giu 2016

cucina degli orrori In piena atmosfera Halloween non poteva mancare un articolo da far tremare le gambe. Paura? Più che di zombie e streghe stavolta si tratta di orrori culinari: ricette dal mondo che tentano maldestramente di imitare la cucina italiana ma che, sono certa, provocheranno in te più di qualche smorfia di disgusto. Da un lato, questi piatti sono un vero inno all'ammirazione che il mondo intero ha per le cucine del nostro Paese. Un'ammirazione così grande che può diventare voglia di provare a ripetere le nostre ricette all'estero, anche senza averle mai assaggiate per davvero. Infatti, più che gli ingredienti, quello che interessa ai veri fan stranieri del made-in-Italy è lo stile italiano a tavola: i ristoranti all'aperto, al sole, la pastasciutta arrotolata sulla forchetta, i pasti "normali" fatti tutti da primo, secondo e contorno. La maggior parte dei tentativi di servire ricette italiane all'estero si è rivelata un successo e i piatti vengono proposti con rispetto e rigore. Ma in alcuni casi la troppa disinvoltura ai fornelli si è rivelata un vero delitto. Per il tuo dis... gusto ho preparato una top-ten da brivido con i piatti dell'orrore della cucina italiana nel mondo! Sei pronto?

10. Spaghetti con i wurstel

spaghetti con wurstel

Sulla mise en place non c'è che dire: il rosso della salsa di pomodoro, appena tirata via dalla scatoletta di latta con i pezzi di pelato ancora interi, dà un tocco molto pulp a questo piatto tricolore, dove il verde è rappresentato da un ramo di prezzemolo colto e buttato là con fare minimalista e il bianco dagli spaghetti, certamente scotti e collosi che per l'appunto... uniscono tutto con sapienza. Tre colori, come fossero un italico stendardo. Il dubbio che sorge spontaneo è se, nella mente del creatore di questo capolavoro culinario, i wurstel rappresentino l'asta della bandiera oppure se siano una riflessione meta-storica, a simboleggiare l'antica presenza asburgica. Tuttavia, nonostante la capacità di astrazione necessaria per consumare questa portata, non posso esimermi dal sottolineare che l'orrore è limitato: in fondo, nelle cucine da studente o da single si vede anche di peggio...

9. Tortellini travestiti da tagliatelle

tortellini a forma di tagliatelle

Come fai senza un buon piatto di tortellini in Svezia? Questa meravigliosa confezione di tortellini - perché di questo si tratta, cos'altro? - invita all'appetito. Fa venir voglia di tovaglia a quadretti bianca e rossa e di un buon bicchiere di Lambrusco. Nell'immagine della confezione si vede benissimo un piatto di tortellini sapientemente travestiti da tagliatelle, evidentemente opera di un vero mago dei fornelli. Completa il piatto, già fantasmagorico di per sé, un condimento perfetto di sugo un po' lento che fa acquetta a specchio sul fondo del piatto, julienne di parmigiano reggiano doc (sulla fiducia) e chiffonade di qualcosa di simile al radicchio. Quando si dice che ci vuole fantasia in cucina....

8. Spaghetti travestiti da letterine (non quelle in tv)

spaghetti-non-spaghetti

Per rimanere nell'ambito delle stesse magìe in cucina, c'è pure chi si è divertito a trasformare gli spaghetti in lettere dell'alfabeto. Un esperimento, questo, creato per il piacere dei più piccoli cosicché possano imparare, mangiando, i segreti dell'alfabeto "dalla A alla Z" come recita anche un claim sulla confezione. Spero che qualcuno specifichi ai piccoli anche che, di solito, gli spaghetti hanno un'altra forma... ma sono dettagli trascurabili dinnanzi al gusto. Questi eclettici "SpaghettiOs" con deliziose polpettine di carne e sugo di pomodoro sono rigorosamente precotti e sigillati sotto vuoto in lattine pronte all'uso. Immagina la fragranza della pasta al dente. Immagina lo splendido sapore di polpette tradizionali con parmigiano e passata di pomodoro. Ecco. Ora dimentica tutto. Buon appetito!

7. Pizza 4mila stagioni

pizza americana Se sei un appassionato di gusti esagerati devi assolutamente darti da fare per preparare e mettere in forno questa pizza da record, in puro stile americano. Si dice che per realizzare al meglio questa portata l'ideale è prendere roba dal frigo a casaccio e passarla rapidamente sotto un coltello tagliente. Pomodori, patate, sottaceti, salame, cetriolini, prezzemolo e una montagna di formaggio fuso sono solo l'ultimo strato di questa prelibatezza, sotto potrebbe nascondersi di tutto e potrai scoprirlo solo mangiando...

6. Come il ketchup sui maccheroni

pasta con ketchup

Un tocco agrodolce sulla pasta è quello che consigliano i migliori chef stellati e il ketchup sembra proprio fare al caso di questa prelibatezza in stile fusion italoamericano. La ricetta è semplice: cuoci la pasta, la scoli senza fretta e poi ti diverti a disegnarci sopra con una bottiglia di ketchup da chilo. All'apparenza sembreranno fusilli al sugo con un tocco artistico, uno di quei piatti che potresti anche pagare una ventina di euro in un ristorante chic, se solo la pasta fosse servita in una grande scodella dal bordo ampio. In quest'atmosfera dorata, assaggiandoli, potrai anche fare l'intenditore, indovinando il retrogusto di cetriolino sott'aceto. Come dessert lo chef consiglia sorbetto al Diger Seltz.

5. Atmosfere indubbiamente bolognesiriso bolognese finto

Monsieur o madame, ecco a te due portate che allieteranno le tue serate nostalgiche, pensando al lontano e ridente cielo romagnolo. Due piatti talmente italiani nell'aspetto che dovrebbero dare la cittadinanza onoraria a chi li ha concepiti. Nel primo esempio puoi vedere un esotico risotto alla bolognese, che non è neanche vero risotto ma riso pilaf, con una foglia di prezzemolo a guarnire, che non è neanche prezzemolo ma probabilmente coriandolo. Accanto un ragù che non è esattamente ragù ma qualcos'altro fatto con gli ingredienti del minestrone surgelato.spaghetti bacon&egg

Solo guardando il secondo piatto, una meravigliosa portata di spaghetti alla bolognese con topping di Bacon&egg, ti sembrerà già di sentire l'Inno di Mameli di sottofondo: "Stringiamci a coorte, siam pronti alla morte, siam pronti alla morte e... God Save theeeee Queen!", un infernale mix di sapori che vi porterà dritti verso un gemellaggio con Glasgow.

4. Bistecca con contorno di spaghetti: questo matrimonio non s'ha da fare

bistecca con spaghetti

Sulla carne non c'è che dire, cottura giusta, bell'aspetto, persino inquietante nella perfezione dei quadretti impressi dalla griglia che sembrano quasi una fantasia sartoriale. Il piatto denota un certo impegno nella presentazione: il letto di spaghetti sembra ben cotto, ben condito. Il pomodorino un po' ammiccante, che s'offre di lato come un fiore appena sbocciato e il verde della fogliolina di prezzemolo in cima è rassicurante. Il piatto appare discreto ma la soluzione sembra un po' da scuola di recupero: lì due anni in uno, qui due piatti in uno; un corso accelerato di cucina italiana dal risultato un po' troppo sintetico, insomma. Come dire? Il cuoco è intelligente, è dotato, ma non si applica...

3. Felicità: un bel cappuccino con un panino

pranzo con cappuccino

Ho studiato a Roma e lì, di turisti stranieri, ce ne sono sempre stati tanti. Tornando a piedi dall'Università, li ho osservati spesso, seduti nei ristoranti del centro, all'aperto, con il loro meraviglioso piatto di pasta davanti oppure con una bella pizza Margherita fumante. Nei loro occhi leggevo l'ammirazione per la cucina italiana, la gioia di provare finalmente qualcosa di davvero tipico. Ma quello che non ho mai capito, e credo di aver bisogno del tuo aiuto per trovare una soluzione, è per quale motivo ad accompagnare il loro pranzo, ci fosse sul tavolo un cappuccino. Sì, un cappuccino caldo e schiumoso. Mi chiedo, ancora oggi, quale strana, misteriosa, leggenda circoli all'estero a proposito delle nostre abitudini a tavola.

2. Giallo come... il ragù!

Ragu con cheddar

Al secondo posto, sfiora la testa della classifica il ragù più pallido della storia. Un cheesy - ovvero - "formaggioso" sugo con doppia porzione di Cheddar, il tipico formaggio inglese a pasta dura dall'odore deciso e pungente. Sulla confezione viene mostrato, come esempio d'uso del prodotto, della pasta - forse cellentani - condita con questo sugo giallognolo e un po' lento. Il risultato nel piatto? Invitante come una pozzanghera di fango.

1. Zuppa di mais: capolavoro italiano

zuppa di mais

Merita senz'altro il podio della speciale ed esclusiva classifica sui 10 piatti dell'orrore, la zuppa di mais con fette di pomodoro e formaggio presentata in questa rivista come "The italian masterpiece", il capolavoro italiano. In una scodella, rigorosamente bianca, rossa e verde, viene presentata una brodaglia nella quale galleggiano chicchi di mais, tre fette di pomodoro crudo e sopra una breve nevicata di formaggio. Un accostamento azzardato che lascia in bocca un conturbante sapore dolce e acido. Nel momento in cui penserai che ne vuoi ancora, ti apparirà sin troppo chiara la somiglianza del piatto con il simbolo della radioattività. Poi vedrai il Gigante Verde che abbraccia una enorme pannocchia e capirai improvvisamente perché ti guarda, sghignazzando, dalla confezione... ... e sarà già troppo tardi per chiederti se tutto questo è vero, oppure se hai solo... mangiato pesante! Qual è il piatto dell'orrore che non potrai mai dimenticare?

Contro gli orrori, un piatto di pasta vero!

piatto di pasta al ragù

Pentola con scolapasta incorporato, stampo per tortelli, trafila per spaghetti e per trenette, mattarello, macchina per la pasta fresca, stendipasta e tanto altro nel nostro store online per preparare un succulenta pasta fresca fatta in casa

Written by Lisa De Leonardis

Sono giornalista, ma dedico la vita lavorativa al marketing del cibo e del vino. Sono cresciuta nella meravigliosa campagna abruzzese tra carciofi, fave e pomodori, ma amo la cucina internazionale, specie quella orientale. Su questo blog mi occupo di scrivere e gestire i contenuti sulla cucina. www.lisadeleonardis.it

Lascia un commento