È TORNATO IL VERO SCONTO 80% - Spedizione Gratuita per ordini oltre 30€ - Ritiro gratuito in negozio

Un sogno di casa: l’ingresso verde smeraldo

23 lug 2018

Il tour all’interno delle mura della casa perfetta si conclude nella prima stanza in cui gli ospiti metteranno piede: l’ingresso.

Sulle pareti color verde smeraldo, dei quadri richiamanti la natura daranno un tocco di luce a uno spazio stretto, come può essere quello riservato all’ingresso. Un angolo sarà dedicato ad accogliere giacche e cappotti degli ospiti: degli attaccapanni a muro, saranno posizionati in modo da formare linee articolate; un appendiabiti a piantana, invece, grazie alla forma particolare e a un pratico svuotatasche, sarà un accessorio completo.

 

Il disegno naturale delle radici di una consolle originale, saranno il punto focale di tutto l’ingresso: grazie ai materiali e alla sinuosità delle forme, stupiranno chiunque varcherà la porta di casa. Grazie alla base piana, sarà possibile poggiarci portafoto  con ricordi di famiglia e vasi  con fiori freschi.

 

Per rendere più grande lo spazio, ti consigliamo di appendere uno specchio sulla parete per dare maggior senso di profondità. Un portaombrelli, elegante e dai materiali resistenti, completerà l’arredo.

Per non dimenticare nulla e rendere completo il tuo ingresso, manca uno zerbino, magari con un tocco eccentrico, con colore o stampa inusuale. Accanto, giusto per dare un senso di completezza, un portaombrelli da esterno, o un vaso con dei rami o delle piante da esterno.

 

Le sfumature di colori e la scelta degli accessori che ti abbiamo consigliato per arredare la casa perfetta, è la scelta che avremmo fatto noi: quello che ti abbiamo offerto è un canovaccio, delle linee guida per arredare con fantasia e stile, per amare al meglio la tua casa.

Written by Rossella Clemente

Cuffie rosse e zaino in spalla, naso sui libri e testa tra le nuvole. In un mondo in cui ho combattuto con i mulini a vento, ho bevuto tè con i lord inglesi, sono cresciuta tra Dorne e il Paese delle Meraviglie, sto ancora cercando la nave pirata sulla quale imbarcarmi. E, forse, l’ho trovata.

Lascia un commento