Grande Svendita: sconti incredibili oltre l'80% - Spedizione Gratuita per ordini superiori ai 30€ - Ritiro gratuito in negozio

Organizza una cena tra amiche a casa tua: menù e idee

14 lug 2016

cena tra amiche Metti una sera di quelle autunnali, una sera già calda di lana, ideale per quattro chiacchiere in compagnia. Metti una serata fra amiche in un'atmosfera sospesa tra risate e realtà, tra ricordi e desideri che si possono confessare solo tra donne. Come puoi organizzare una serata così speciale? Presto detto: non è necessaria una ricorrenza, anzi è molto più sfizioso progettare il tutto senza un motivo, solo per il piacere di stare insieme. Per farlo ti serviranno pochi elementi:

  • Un telefono
  • La tua rubrica
  • Un'agenda
  • Papà o nonni per tenere i bambini oppure una baby sitter di fiducia
  • Numero pizza a domicilio da lasciare attaccato al frigo per marito/compagno per evitare incidenti in cucina :)

Sistemati questi dettagli, dovrai pensare alla location e hai già in mente il posto perfetto per una cena tra amiche: casa tua. C'è tutto, è comodo, ed è il posto che meglio si presta alle confidenze, alle chiacchiere rilassate e alle risate in libertà. La serata prende già forma. Mancano ancora due passaggi: l’allestimento ed il menù. Entrambi dovranno colpire, anzi conquistare le tue amiche.

Invita le amiche tra decorazioni e piccoli pensierila tavola dell'autunno

È arrivato il momento di pensare a una mise en place: l'allestimento non dovrà essere certo esagerato, sono le tue amiche e vanno messe a proprio agio, tuttavia non vuoi rinunciare a stupire e per questo hai pensato a qualcosa di originale, chic e creativo, perfetto per una rilassante cena tra amiche, senza farsi mancare un menù gourmet e femminile.

Colori della tavola: l'autunno

I colori dell'autunno, come il marrone, il rossiccio, l’arancio, il giallo e l’ocra potrebbero essere il filo conduttore.  Dai spazio ai colori caldi del legno: una tovaglia nei toni del beige, sottopiatti in vetro, tovaglioli color castagna, legati da un nastrino di raso beige. Puoi realizzare dei segnaposto semplici, ma originali con mele e pere tagliate sottili, essiccate in forno e poi chiuse con un fiocchetto oppure noci e ghiande con rametti di agrifoglio. Non solo, potrai anche offrire alcune di queste meraviglie alla fine del pasto. Se preferisci qualcosa di più classico, andrà benissimo una tovaglia bianca. Per creare un gioco elegante e originale puoi usarne una lunga e un'altra più corta e leggerissima, da poggiare sulla prima. In queste sovrapposizioni puoi giocare con i colori autunnali, il risultato sarà davvero interessante.  

I piatti giusti: bianco sempre elegante

Se hai già dato un tocco di colore alla tovaglia, puoi scegliere piatti bianchi e lineari, posate moderne e semplici, disponendo il tutto come suggeriscono le regole del galateo. Come decorazione, al centro della tavola, sarà indispensabile un piatto ricco dei doni dell'autunno: castagne, uva, fichi. Se la cena è intima, per poche, puoi aggiungere candele stando attenta a profumi e altezze.

Un piccolo dono, simbolo d'amicizia

Pensa, poi, a un piccolo dono per le tue amiche: uno specchietto da borsetta da mettere al posto dei sottobicchieri, oppure dei braccialetti in pietre dure, al posto dei fermatovaglioli. Se ti piace cucinare e realizzi da te le tue conserve, puoi regalare dei piccoli vasetti di marmellata fatta in casa, dove incollerai etichette colorate e scriverai il nome di ciascuna ospite. Saranno un grazioso (e goloso) ricordo della serata.

Non dimenticare un po' di musica d'ambiente

Durante la cena, potrai mettere un sottofondo soffuso alle vostre chiacchierate: le canzoni che, nel corso degli anni, hanno fatto da colonna sonora alle vostre vite, oppure vi ricordano situazioni e momenti vissuti insieme al mare, in gita o in vacanza, ricordando sempre la "vecchia" e cara (e acuta!) legge di Oscar Wilde:

Se la musica è buona la gente non ascolta, se la musica è cattiva la gente non parla.

Dunque? Scegli qualcosa di leggero, strumentale, che sia solo d'atmosfera. Lascia magari l'ascolto di qualche brano che vi rappresenta o che si lega alla vostra amicizia per il dopocena. E il menù? Dovrai necessariamente progettarlo in anticipo, curandolo nei particolari, e dovrà avere anche carattere. Non solo. Avrà un gusto sfizioso e sarà composto da piatti sicuramente non banali, non scontati, originali, come solo una donna sa essere... una cena fra donne e per donne.

Menù sfizioso e originale per una cena tra amiche

#1 Antipasti a colori dal sapor mediorientale

hummus di barbabietola Per la tua cena tra amiche, ho pensato ad un aperitivo easy, veloce e colorato, adatto sia alle amiche intolleranti o celiache sia alle amiche vegetariane: una serie di hummus, di creme dalla consistenza sostenuta, a base di ceci. Se scegli legumi secchi, ricordati di metterli a bagno per una notte e cuocerli in giorno dopo in pentola a pressione. Se, invece, preferisci quelli confezionati, ricordati di scolarli e sciacquarli sotto l’acqua corrente prima di usarli. Frulla i ceci con succo di limone, aglio, salsa tahina (salsa di sesamo) e condisci il tutto con paprika e olio evo. A questa è la base potrai aggiungere polpa di zucca cotta al forno, oppure barbabietola lessa, o ancora carote cotte al vapore. Potrai realizzare anche l’hummus di piselli o di fagioli neri, in alternativa ai ceci. Servi le varie salse in ciotole colorate (ricordando sempre la regola del contrasto nella scelta dei colori), accompagnate da verdura cruda e fette di pane tostato. Un’altra idea veloce e gustosa è quella di realizzare dei crostini di polenta al posto del pane: un piatto senza glutine e vegetariano. In commercio esiste anche la variante arricchita di grano saraceno, per un gusto più rustico. In ogni caso, sceglila biologica, integrale e certificata senza glutine se tra le ospiti c’è un’amica celiaca. Dopo aver preparato la polenta istantanea, seguendo le indicazioni sulla confezione, versala in una teglia abbastanza capiente e stendila, formando uno strato omogeneo. Lasciala raffreddare. Una volta rassodata, tagliala a triangoli, aggiungi crescenza (senza lattosio) e funghi trifolati, oppure mozzarella (sempre senza lattosio per l’amica intollerante) a cubetti, origano, pomodori secchi sott'olio e olive nere a rondelle. Disponi su una teglia coperta di carta da forno e lascia gratinare per qualche istante.

#2 Un primo piatto originale: risotto alla melagrana

risotto alla melagrana Tra confidenze e chiacchiere, avrete già stuzzicato con gli antipasti. È arrivato il momento di portare in tavola un primo piatto scenografico, dal sapore sorprendente: un bel risotto alla melagrana, ricco di vitamina C e antiossidanti. Armati di pazienza e procedi alla sgranatura. Una parte dei chicchi sarà destinata alla decorazione, una parte dovrà essere ridotta in succo. Per farlo, puoi usare un passaverdure. Prepara il risotto: trita una cipolla e lasciala appassire in una casseruola con olio evo. Versa il riso (sceglilo possibilmente integrale e biologico) e lascialo tostare per qualche istante, poi aggiungi il succo della melagrana. Quando tutto il liquido si sarà asciugato, unisci anche del brodo caldo e lascia cuocere, mescolando ogni tanto. Spegni il fuoco e aggiungi parmigiano reggiano grattato. Lascia riposare il risotto per qualche istante e poi servilo decorato con chicchi di melagrana e pepe macinato. Ed ecco servito un piatto vegetariano e senza glutine semplice, ma scenografico.

Passaverdure dotato di 3 setacci intercambiabili

passaverdure kasanova 

#3 Profumi di bosco per un secondo di carattere: funghi!

L’autunno è la stagione dei funghi. E allora, perché non preparare un secondo vegetariano gustoso e adatto a tutti? Il modo per rendere i funghi un secondo piatto completo è certamente quello di farli ripieni e cotti in forno. Acquista dei funghi champignon belli grandi, puliscili con delicatezza e taglia il gambo. Disponi i cappelli su una teglia coperta di carta da forno. Per il ripieno, mescola il pangrattato (di riso se hai un’amica intollerante al glutine) con prezzemolo fresco, gambi tritati al coltello, un filo di olio evo e un pizzico di sale. Inforna a 200 gradi per  circa 20-25 minuti. Come contorno, puoi cuocere, sempre in forno, delle patate tagliate a spicchi e condite con olio al rosmarino e aglio.

#4 Un dolce peccaminoso dai sapori autunnali: la pavlova

pavlova autunnale Fino ad ora non hai ecceduto con le calorie, un fattore di non secondaria importanza in una cena tra amiche! Naturalmente è arrivato il momento del dessert e ti puoi concedere qualcosa in più, visto che fino ad ora hai proposto una cena leggera. Per concludere in bellezza, ti propongo un dessert semplice e di sicura riuscita: delle mini pavlove. Si tratta di un dolce che ha origini molto romantiche perché è stato creato da un pasticcere, ispirato dalla danza leggiadra di una ballerina russa, Anna Pavlova. In origine, lo chef aveva creato una meringa farcita con panna e frutta fresca. Io te la propongo in versione autunnale. Basterà munirti di una planetaria o di fruste elettriche per montare albumi (a temperatura ambiente) e zucchero a velo nella stessa quantità. Dopo aver ottenuto una meringa bella lucida, metti il composto in un sac à poche con bocchetta a stella e crea dei nidi, adagiandoli su una teglia foderata di carta da forno. Cuoci le meringhe in forno preriscaldato a 100 gradi per un’ora. Lasciale nel forno a seccarsi, con lo sportello semi aperto. Decora le mini pavlove con della crema di marroni (senza lattosio e senza glutine) e mandorle a lamelle sottili. Anche in questo caso, avrai un dolce adatto ai celiaci e ai vegetariani.

Per concludere la cena tra amiche...

Se le confidenze vogliono proseguire, il dopocena è un momento solitamente in cui ci si rilassa di più e si dà spazio alle confidenze e alle chiacchiere più spontanee e divertenti. È questo il momento giusto di tirare fuori qualche ricordo, magari le foto del liceo oppure qualche vecchio diario di scuola. È il momento delle canzoni che segnano la vostra amicizia, delle confidenze, dei "Ti ricordi quella volta...?". In questi momenti non far mancare qualcosa da sorseggiare e, se le tue amiche gradiscono, puoi anche stappare un fresco spumante italiano dolce (il secco non andrebbe mai bevuto a fine pasto!) oppure un vino passito, serviti con ciambelline al vino oppure tozzetti (cantuccini) o ancora deliziosi maritozzi. Okay. È arrivato il momento di darsi da fare. Fammi sapere quali varianti al menù farai e manda le tue foto alla redazione di Kasanova, saremo felici di pubblicarle!

Written by Letizia Terra

A quattro anni sapevo già scrivere il mio nome, a dieci ho imparato a cucinare, sbirciando tra i segreti di nonna che, con mani sapienti, impastava gnocchi, lasagne e ravioli… ma c’è voluto del tempo prima che le mie due più grandi passioni, scrivere e cucinare, si unissero in un unico posto, il blog. Qui creo, tra sbuffi di farina (di riso) e bicchieri di latte (di mandorla), biscotti, torte, crostate, muffin e pizze, tutto rigorosamente gluten free e per intolleranti. A me piacciono le ricette “senza”, ma buone per tutti! www.senzaebuono.altervista.org

Lascia un commento